;

 


14 | 12 | 2018
Arabic English French German Italian

Statistiche
Visite agli articoli
2449640

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Login Form

bartimeoLa guarigione di Bartimeo 

E giunsero a Gerico. E mentre partiva da Gerico insieme ai discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, cieco, sedeva lungo la strada a Costui, al sentire che c'era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».  Molti lo sgridavano per farlo tacere, ma egli gridava più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».  Allora Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». E chiamarono il cieco dicendogli: «Coraggio! Alzati, ti chiama!».  Egli, gettato via il mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.  Allora Gesù gli disse: «Che vuoi che io ti faccia?». E il cieco a lui: «Rabbunì, che io riabbia la vista!».  E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito riacquistò la vista e prese a seguirlo per la strada.  vangelo di Marco 10,46-52

 Marco, che ci ha accompagnato nelle domeniche di questo anno, ci fa incontrare oggi il Signorenella sua ultima tappa prima di entrare in Gerusalemme.

Abbiamo visto lungo il cammino il clima nuovo, quasi di festa, che Gesù creava tra la gente delle città e dei villaggi ove passava. In tanti accorrevano a lui, soprattutto i deboli, i poveri, i lebbrosi, i malati. Tutti desideravano avvicinarlo, toccarlo, parlargli; volevano da lui pace e felicità per la loro vita. E Gesù li accoglieva tutti. Ad un mondo fatto di adulti che amano nascondere la propria debolezza a se stessi e agli altri, Gesù insegna il contrario.

Lo aveva capito Bartimeo che mendicava alla porta di Gerico. Come tutti i ciechi, anche lui è rivestito di debolezza. Ai ciechi non restava altro che mendicare, aggiungendo così alla cecità la dipendenza totale dagli altri.

 Avete esperienza di qualche cieco nella vostra vita? Io ricordo due ciechi che avevano perso la vista durante la guerra, li vedevo camminare per la città di Marsala, guidati da un militare, che li accompagnava dappertutto. Di Bartimeo non ci viene detto se fosse cieco dalla nascita, se avesse avuto già esperienza dei colori d’un tramonto, se avesse già potuto godere della presenza dei propri familiari, o se fosse nato cieco e quindi avesse vissuto nel buio piu’ totale per tutta la sua vita. Quello che conta per lui è in ogni caso il fatto che ora attorno a lui tutto è buio, non vede chi passa, non riconosce chi gli sta vicino, non distingue né i volti né gli atteggiamenti. Ma quel giorno fu diverso. Sentì il rumore della folla che si avvicinava. E nel buio della sua vita e delle sue percezioni, intuì una presenza: "ha sentito che c'era Gesù...", nota l'evangelista. Ebbe la sensazione che quel giovane profeta non era come tanti altri che gli erano passati vicino sino a quel momento. E quanti ne aveva sentiti passare in anni e anni di mendicità! A quanti aveva teso la mano, a quanti aveva chiesto aiuto, quanti aveva sentito passare vicini e poi progressivamente allontanarsi!

 Bartimeo è un uomo costretto a chiedere per l'assenza di ogni altra risorsa. E' un mendicante, e non può fare altro che chiedere. Alla notizia di quel passaggio comincia a gridare: "Figlio di Davide, abbi pietà di me!" L'invocazione è semplice e assieme drammatica. Quel cieco non ha null'altro che l'urlo; è l'unico modo per superare il buio e le distanze che non riusciva a misurare.

 Quel grido però non piaceva alla folla, tanto che tutti, "sgarbatamente", sottolinea l'evangelista, cercavano di farlo tacere. Era un urlo sconveniente, un grido scomposto e comunque esagerato, come spesso accade ai poveri; rischiava inoltre di disturbare anche quel felice incontro tra Gesù e la folla della città. In tutta la sua presunta ragionevolezza era una logica spietata non solo lo sgridavano, volevano farlo tacere.

 Ma la presenza di Gesù fece superare ogni timore. Bartimeo sentì che la sua vita poteva cambiare totalmente da quell'incontro.

 Cari fratelli e care sorelle nella comune fede, fermiamoci un attimo a considerare la vista come una dote spirituale che ci consente di vedere col nostro cuore, con la nostra mente, con la nostra ragione. Se ci facciamo guidare sempre dalle decisioni altrui, dai modi di pensare degli altri, noi siamo ciechi spirituali, che non vedono con i propri occhi e si affidano al braccio di turno che ci guida.

 Soprattutto nella lettura dei testi biblici è necessario vederci bene, per non restare chiusi nella ragnatela del già-detto e del già-sentito.

 Abbiamo veramente bisogno di essere liberati dalla nebbia della cecità, per vedere con i nostri occhi, capire con la nostra mente, decidere con la nostra ragione di esseri umani adulti. Abbiamo bisogno di gridare come Bartimeo, a costo di scombinare l’ordine costituito dai discepoli che vorrebbero farlo tacere. E Gesu’ si serve proprio di questi discepoli per chiamare Bartimeo alla sua presenza. Anche oggi noi sentiamo la presenza di Gesu’, abbiamo la certezza del suo passaggio, ma forse non gli chiediamo nulla. Non osiamo gridare. Non sappiamo insistere. Quando qualcuno blocca un nostro intervento, una nostra riflessione, ricordiamoci che anche Gesu’ ci ascolta e ci chiama alla sua presenza, per darci e rafforzarci la vista spirituale.

 Il vangelo ci dice che Bartimeo non è il tipo di uomo che si arrende per il fatto che gli altri vogliono farlo tacere, anzi con voce ancora più forte grida ancora: "Figlio di Davide, abbi pietà di me!" E' la preghiera dei piccoli, dei poveri che giorno e notte, senza sosta, perché continuo è il loro bisogno, si rivolgono al Signore; è l'invocazione dei deboli che hanno ricevuto la notizia del suo passaggio e ripongono in lui la loro speranza. Gesù non è sordo al grido dei deboli. Gesù, udito quell'urlo di aiuto, si fermò. E' come il buon samaritano che non passa oltre come fecero il sacerdote e il levita, e come la folla vorrebbe che Gesù facesse. Al contrario, Gesù si fermò e rispose all'urlo di Bartimeo.

 La risposta inizia con una chiamata: "Gesù si fermò e disse: chiamatelo! E chiamarono il cieco dicendogli: coraggio! Alzati, ti chiama!". E' sempre il Signore che chiama, ma si serve di altri uomini, della loro parola. Essi si avvicinano a noi e ci incoraggiano ad incontrare Gesù, anzi ci portano a lui. Ma poi l'incontro con il Signore è sempre personale, richiede un colloquio diretto, familiare, come quello di un figlio che si rivolge fiducioso al padre.

 Bartimeo appena sentì che Gesù voleva vederlo, gettò via il mantello e corse verso di lui. Gettò via quel mantello che da anni lo copriva, era forse l'unico riparo contro il freddo agghiacciante degli inverni e soprattutto dei cuori induriti della folla. Non serviva più coprire la sua proprietà, non aveva più bisogno di quel riparo, perché aveva sentito che il Signore lo chiamava. Balzò in piedi e andò di corsa da Gesù. Correva anche se non vedeva; in verità "vedeva" molto più profondamente di tutta quella folla.

 Sentì la voce di Gesù e andò verso quella voce. Era solo una voce, ma era l'unica che finalmente lo chiamava per accoglierlo. Era diversa dal mormorio e dalle parole grosse della folla che voleva farlo tacere. Quella voce, quella parola, era per lui un nuovo punto di riferimento, a tal punto saldo, da permettergli di correre, mentre era ancora cieco, senza alcun sostegno.

 Bartimeo sentì quella voce e incontrò il Signore. Così accade per chiunque ascolta la Parola di Dio e la mette in pratica. L'ascolto della Parola di Dio non conduce verso il vuoto, non porta verso un immaginario psicologico; l'ascolto conduce all'incontro personale con il Signore. Così è avvenuto per Bartimeo. E' Gesù che inizia a parlare, quasi a prolungare la chiamata che gli aveva fatto. E' davvero diverso da tutti coloro che sino ad allora aveva incontrato. Gesù non getta nelle sue mani qualche spicciolo, pur necessario, per poi andare via. No, si ferma, gli parla, mostra interesse per lui e la sua condizione e gli chiede: "Che vuoi che io ti faccia?".

 Bartimeo, senza frapporre tempo e parole inutili, così come prima aveva pregato con semplicità, gli dice: "Rabbunì, che io riabbia la vista!" Sa che è il momento dell'incontro, il momento del passaggio, quello che può trasformare radicalmente tutta la sua vita. Non divaga e tanto meno mente; gli chiede la cosa che più conta per lui, la vista.

 Potrebbe sembrare una richiesta non nobile. Ma ciò che conta per il Signore è che il cieco si rivolga a lui con fede. Bartimeo ha riconosciuto la luce pur senza vederla. Per questo ha riavuto subito la vista. "Va', la tua fede ti ha salvato!" gli dice Gesù. Da quel momento Bartimeo non mendica più lungo la via di Gerico, ma prende a seguire Gesù lungo le vie del mondo.

Franco D'Amico - culto dell'11 nov 2018

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

AVVISO: I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, si accetta l'utilizzo dei cookie da parte nostra. I nostri sono solo cookie tecnici, ovvero quelli in grado di registrare informazioni per non costringerci a digitarle ogni volta che visitiamo il sito.